Medicina preventiva

E’ evidente che l’operatività della Medicina Estetica si sposta da quella di semplice correzione dell’inestetismo e quella di prevenzione della comparsa dello stesso. E, rappresentando l’inestetismo un’alterazione della normale fisiologia corporea, la Medicina Estetica diviene l’unica medicina preventiva effettivamente praticata.

L’aspetto fisico è determinato geneticamente e si modifica nel tempo per un processo naturale e fisiologico di invecchiamento che ogni giorno incide su esso.

La scienza della psico-neuro-endocrino-immunologia ci insegna che la nostra interiorità, positivamente o negativamente, interferisce con il corretto funzionamento del metabolismo ormonale ed immunitario, determinando a sua volta uno stato di benessere o malessere fisico, indebolimento e/o propensione ad ammalarsi.

Lo stress, l’ansia, l’insonnia, l’abitudine al tabagismo, l’inquinamento atmosferico, la dieta compromettono i naturali meccanismi di difesa e sono malattie da cui occorre guarire con l’aiuto di una terapia mirata e personalizzata.

Di contro il miglioramento dell’armonia corporea agisce ottimizzando gli stessi meccanismi rimandando al corpo segnali positivi, quindi conduce al benessere fisico e psichico.

La medicina estetica ha un ruolo di supporto psichico e fisico

Si cerca soprattutto di far comprendere che l’inestetismo spesso sottende ad una anormale fisiologia corporea, ad esempio la “cellulite” è il risultato di una insufficienza venosa e linfatica degli arti inferiori, le rughe e le macchie del viso spesso conseguono ad una scorretta esposizione al sole, che favorisce l’insorgenza di melanomi, il diabete e l’obesità la conseguenza di una scorretta alimentazione.

foto007
foto008
foto009